titolo

News

Leggi tutte le ultime novità

 
Dalla Banca
18/12/2019
ViVal Banca e U.S. Pontedera Binomio vincente in campo e fuori

Il nostro Istituto da due anni ha dato vita ad una partnership con la gloriosa società del presidente Boschi che in questa stagione è più che mai protagonista in Serie C. Ma il rapporto funziona anche nel sociale al servizio del territorio

Quando si dice che ViVal Banca è attenta a tutte le realtà del territorio a cui si riferisce, si dice una verità acquisita con i fatti. Tutte le realtà, anche quelle riguardanti lo sport, non da oggi sono uno degli elementi trainanti del vivere quotidiano con le sue passioni senza età. E così, da due anni, ViVal Banca è partner dell’Unione Sportiva Città di Pontedera, club calcistico dalle solide tradizioni (oltre un secolo di storia) che milita nel girone A di C con ottimi risultati e altrettanto lusinghieri apprezzamenti per l’opera aggregante nel tessuto sociale. Non a caso è nato questo rapporto di collaborazione che qui affrontiamo nei suoi tratti salienti con l’avvocato Andrea Bargagna, direttore organizzativo della società granata.

«E’ un rapporto - ci dice - cominciato nel 2018 con un primo approccio molto positivo che poi ha avuto il suo culmine con la visita congiunta al reparto di Pediatria dell’Ospedale Lotti di Pontedera per donare libri e giocattoli ai bambini lì ospitati. Quando ci siamo ritrovati a pianificare il futuro, non abbiamo avuto dubbi a portare avanti la collaborazione con ampia soddisfazione delle due parti».

Sulla base di un concetto semplice ma estremamente impegnativo al tempo stesso: i costi sono alti anche in Serie C, dove invece non esistono le coperture economiche-finanziarie derivanti da sponsor, tv e incassi da botteghino su cui possono contare le “consorelle” delle categorie superiori.

«Esattamente. Da qui l’esigenza di far fronte con ogni mezzo a quello che il movimento non garantisce: ViVal Banca, in quanto Banca di Credito Cooperativo, ben conosce e ben rappresenta le esigenze del territorio con gli strumenti adatti a seconda delle varie situazioni. Il Pontedera è un club dinamico che cura la raccolta pubblicitaria, ma persegue anche la sinergia con aziende importanti alla ricerca dei contenuti etici per supportare, oltre alla prima squadra, il settore giovanile composto da 700 giocatori, più la formazione femminile e quella affiliata al C.S.I. (formata da ragazzi con deficit relazionali-cognitivi, ndc). Insomma, le due anime del rapporto si sposano benissimo tra loro avendo strutture definite e poliedriche: il nostro presidente Paolo Boschi è felicissimo di avere in partnership un brand importante e riconosciuto sul territorio qual è ViVal Banca».

Avvocato Bargagna, in tutto questo c’è posto per il sogno chiamato Serie B?

«Sinceramente, quando una proprietà e una città iniziano un percorso in comune, sognare aiuta a lavorare e a vivere meglio, ma la nostra filosofia è di mantenere i piedi piantati a terra e tale deve rimanere sempre per non rischiare di commettere quegli errori che potremmo pagare a prezzo carissimo. Nel girone ci sono squadre più attrezzate che sono espressioni di club fortissimi e cito per tutti il Monza che ha alle spalle come sappiamo il cavalier Berlusconi, quindi noi dobbiamo solo continuare a portare avanti i nostri valori in campo e fuori dal campo. Poi, chissà…»

stemma pontedera